Eeeeeh!

Qualcosa non si è schiuso ancora,

     sento non si schiuderà mai:                        

       guardasi sulla vetrina il riflesso                       

      senza la scelta 

 di fare nulla:

«Allora l’amore è 

per ciò ch’è effimero»,

mi viene in mente

en passant       

mentre tra due

passanti vedo un moccioso 

che cerca piangendo 

la madre distratta

dalla vita.

Pubblicità

29 novembre

È un anno.
Mi dicevo che il primo
è veleno;
forse lo sono
tutti quelli che restano,
non so,
per papà è così.

Non ci sei da un anno
e il ventinove è appena passato.
Sono andato al labirinto di tombe
dove rimbomba una pace
che mi fa incazzare;
ti ho cambiato l’acqua ai fiori,
ma non ne ho portati:
papà ci pensa sempre.

C’era gente, sta mattina,
amici della tua
mia vita
passata.
Forse sembro ancora sconvolto:
lo vedevo, gli facevo pena.
Faccio pena
a chi ci conosceva.
Facciamo pena
tutti qua

senza di te.

«Allontanate la lontananza dal cuore»,
ci hai detto nell’agonia,
o così ho capito,
ma la morte
tua ci ha fulminati
ognuno nella sua
solitudine;
ognuno nella sua
follia.
Scusaci.

Gli ultimi giorni hai smesso
di bere, mangiare
e poi semplicemente
te ne volevi andare.
«Voglio essere sedata.»

Lo capivo.
Lo capisco.

Ti amiamo.

Ci manchi.

Parole semplici,
le tue preferite
ora per te,
che la terra chiude
a cerchio
il suo giro e tu
non ci sei
e so che non tornerai;
però, lo sento,
una parte piccola
sempre ti aspetta,
come tu con tuo papà,
tua mamma, tua sorella,
nelle foto vicino a te,
lì con tutti noi,
mentre morivi.

#poesia #Lutto #anniversario #poesiaitaliana #poesiacontemporanea

Bla Bla

Dal marciapiede

una bolla di ricordi 

scorre sopra la vita;

scoppia tra la folla.

Ansia sociale

da animale

osservato.

Tutti in coro dicono: bla bla,

uniti nella discordia;

e cambiano volto gli spiriti

e scopro che piango.

«Non mi farò ingoiare    

                               mai

                      da tutto questo»    

dicono                 

e ognuno vivo e morto,

lo sa.

Oh!

Mi spinge un colletto bianco,

guarda:

acqua acida

alla vecchia generazione.

Acqua acida dice:                    

«Un 

unico 

sole che splende 

illumina anche chi non vuole»

Io dico bla bla

e mi prende per il braccio:

unghia scheggiata

            di un dito storto 

e ancora sto cazzo di sole

indica:

«Un amore letale.

La terra sprofonda,

mentre, sai?

E l’umanità stuprata 

non vorrebbe morire.»

Faccio haha

Rido con lui.

Leggo il mio volto

riflesso nei suoi occhi

il mio sorriso nel suo.

Allora sbotto:

«No, compare, non hai capito,

io non so niente 

e lo so bene.

Ti consiglio di impararlo,

perché è così per tutti.»

Brrr

La strada infittisce

mari di suoni 

             ti scacciano il silenzio.

Non malinconie,    

ma larve ombre

un poco più grandi

quando dispero

fuori sul marciapiede.

Il fondo

digitale;

il limite: 

una purezza

da digitare.

Una forma spezzata.

«Di colpo si gela».

Clang!

Piove

        quando esco  

                 e le scale profondano

dentro.

Uomo in auto non fa passare donna per strada;

    la sera stessa: amore, concepimento;

    nascerà una bimba di nome Ambra.

Mille movimenti.

Piove!

Le ossa giù in terra,

nel ricordo,

nell’equilibrio precario,

nel presente molteplice

che si sgretola.

Uomo in auto fa passare donna per strada;

    la stessa sera: amore, concepimento;

    nascerà un bimbo di nome Leonardo.

Te l’ho detto:

piove.

Shhh!

Faccio zitto col dito,

ma il tizio è già rientrato.

               La tragedia mi ricorda 

               passerelle di legno.

   Penso freddi corpi non

                        sensuali:                                         

                        scendo scale;

                        scendo altre scale. 

                        Clik, della chiave.

                        Clang, del portone;

non è un incubo

il mio sangue è in una bara.

                       Ho l’urto dei rumori

                             dentro

                        e di fronte è troppo sfilacciato:

                        non penso

                                                      al domani,

                        non ho tempo per 

      il passato; 

                        oppure non so.

                                «È dietro

                                un vetro.

                               È dentro 

                           una cornice.» 

Spero il nulla mi ascolti. 

Sbam

La porta 

               sbatte                                 

quando tutto  

dorme;

i gradini che scendo,

si comprimono;

scivolo: 

il verosimile 

si assottiglia 

al reale.

Giorni

          triviali

come cristalli grezzi,

il mondo del possibile

vi amplia di frontiere illegittime.

L’inquilino del terzo piano

esce ex-abrupto:

«Le cose cambiano di senso in fretta:

  tempo maligno il nostro», dice.

«Il nostro?».

«Il nostro!

 Tempo delle stagioni!”

Le mura attorno 

si stringono 

a cripta

mentre faccio sì sì con la testa.

Non ho capito.

Qualcosa che lotta [2015]

    Marmo che abbandoni il mio cuore…

anzi no…

non sei tu…

io ti appoggio lento sul terreno 

dove adesso mi trovo…

come farei con un mio figlio…

ho visto l’astro implodere…

mi spezzavi… ma non più adesso…

e il sospiro della terra… e dell’ambiente tutto

che ora ti sorregge…

diventa il singhiozzo della bestemmia 

che non più mi riguarda…

io adesso sono il vento della quarta stagione

che scola per le strade…

sfiora le punte…

infrange il passato…

blocca le chiavi che girano…

rende vivo ciò era spento…

io vivo con la voglia di aprire un sorriso

che ho spesso voluto chiuso…

o… peggio… capovolto…

ma ora io vivo con la voglia di aprire un sorriso

e nel cuore la gioia lotta instancabile…

ribolle indomita e grida…

ride…

urla… 

e se piange

lo fa soltanto in suo nome…

o nel nome di quella dolce e quieta malinconia…

preziosa compagna di via.